SEALteamTwo
SEAL Team Two
SEAL TEAM TWO
Official Airsoft forum

Ultimi argomenti
» Come eravamo in viet nam (foto)
6th Luglio 2016, 4:18 pm Da COWBOY

» Vietnam Day
14th Giugno 2016, 10:11 am Da COWBOY

» Link 1
14th Aprile 2016, 10:16 pm Da Capt.MIKE

» FAQ( Domande Frequenti )
12th Aprile 2016, 12:39 am Da But

» nuovo club
30th Novembre 2015, 6:05 pm Da COWBOY


CHIAMATA ALLE ARMI

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

CHIAMATA ALLE ARMI

Messaggio Da reporter Larry il 9th Settembre 2011, 3:26 pm

Presidente, forse da adesso in poi e il caso che tu faccia questo discorso alle nuove future reclute, se c'è ne saranno!!!
Oppure possiamo diventare una squadra di calcetto e chiamarci "IZUMI ELEVEN" visto che siamo rimasti in 11.

Signori e venuto il momento della CHIAMATA ALLE ARMI.

Impopolare ,ingiusto e viziato da pregiudizi razziali? Questo fu il discusso sistema di arruolamento che mise in divisa e mando a combattere 2 milioni di americani.
“Ragazzo mio,che sbaglio venire qui!” Questo era il mio pensiero fisso nel luglio del 1967, a Fort Dix (New Jersey). 22 anni, 15 kg di troppo , uscito dal college da appena 2 mesi, ed entrato nell’esercito degli Stati Uniti da pochi giorni, mi ritrovo impegnato in una lotta estenuante, fisica e mentale per cercare di arrivare in qualche modo in fondo alle 8 settimane previste di addestramento basico. La situazione non era certo migliorata dal fatto che i sottoufficiali addetti alle esercitazioni ( i drill instructors ) dedicassero particolare attenzione ai coscritti. La nostra compagnia d’addestramento era costituita essenzialmente da 3 tipi di soldati: quelli che si erano arruolati nell’esercito per 3 anni per assicurarsi un lavoro “non combattente”; quelli che avevano deciso di tentare la fortuna con quella specie di lotteria che era la coscrizione biennale; e un gruppo della guardia nazionale, che dopo aver svolto per 6 mesi l’addestramento sarebbero tornati alla vita civile per un servizio di 6 anni con campi estivi di 2 settimane e riunioni 2 volte al mese.

ENTRARE NELLO “SPIRITO DELLA BAIONETTA”

Leepson, faresti meglio a imparare come si spara con quell’arma , abbaiava il sergente del mio plotone al poligono di tiro, quando i miei colpi andavano dispersi. Oppure, Leepson, se combatterai in questo modo contro i Viet Cong, non tornerai certo dalla tua ragazza nel Texas, come è accaduto a Jones! O ancora: Leepson, farai meglio ad entrare nello spirito della baionetta, perchè andrai a Tigerland per imparare ad uccidere i musi gialli. Non devi mica fare un corso di meccanica a Fort Jackson come Smith, laggiù in fondo! Tigerland era il centro di addestramento alla guerra nella giungla in Louisiana: un vero inferno. Cosa ci faccio qui? Mi chiedevo tutti i giorni mentre i 15 kg in più mi si scioglievano insieme al mio cervello,ora dopo ora, giorno dopo giorno sotto il sole implacabile del New Jersey. Ero uno dei 776910 ragazzi di leva, durante la guerra del Vietnam: vale a dire dall’Agosto 1964, quando il congresso approvò la cosidetta Risoluzione del Golfo del Tonchino , autorizzando il presidente Lyndon B. Johnson a impegnare direttamente le truppe nel conflitto, sino al Dicembre 1972, quando la coscrizione ebbe termine. Da quando a 18 anni ero stato iscritto nell’ufficio leva di Elizabeth nel New Jersey (uno delle migliaia di uffici distrettuali dove venivano selezionati i giovani in età di servizio militare in base ai requisiti fissati dal Selective Service System ) ero riuscito ad ottenere l’esonero per 4 anni.

SUI SOTTOMARINI NON CI SONO VIET CONG

Il rinvio era stato concesso per motivi di studio. Circa un mese prima della laurea alla George Washington University, ricevetti una lettera dall’ufficio leva locale. Dopo la Laurea sarei stato riclassificato come I-A, cioè pronto per essere arruolato:e tutto lasciava prevedere che sarei passato direttamente dal campus alla guerra nel Vietnam. Avevo alcune alternative.. Potevo scegliere una firma di tre anni nell’esercito, nell’aviazione o nella marina garantendomi cosi un ruolo non combattente. Sui sottomarini non ci sono i viet cong,si usava dire a quel tempo. Potevo ottenere l’esonero dal servizio militare andando ad insegnare nelle scuole superiori; oppure sposandomi, oppure entrando a far parte del corpo di pace; o iscrivendomi a un corso di perfezionamento post universitario. Potevo entrare nella Guardia Nazionale o nella Riserva. Potevo dichiararmi obiettore di coscienza, fingermi mentalmente instabile,oppure omosessuale. Come ultima risorsa, potevo fuggire all’estero o rendermi irreperibile in patria.Decisi di tentare la fortuna con la coscrizione. Sei sicuro di quello che stai facendo? Mi chiese l’impiegato dell’ufficio di leva di Washington il 20 giugno 1967, giorno del mio 22° compleanno. Stavo per firmare un documento con cui accettavo la coscrizione appena possibile. Avevo deciso che era meglio partire subito per i 2 anni di servizio pittosto di aspettare che lo Zio Sam mi venisse a cercare. Firmai quindi il modulo. L’ordine di mobilitazione arrivo una settimana dopo. Dovevo presentarmi all’ufficio leva di Elizabeth di li a 8 giorni per essere condotto insieme agli altri coscritti al Centro Ammissione e Selezione delle Forze Armate a Newark. A me come gli altri era consentito di portare solo una busta con l’occorrente per la toilette, e un cambio di abiti . Mia madre m’accompagno all’ufficio di leva, quella mattina. Salii su un pulman alle 08.00, e 6 ore dopo avevamo già passato la visita medica e giurato fedeltà alla bandiera e agli Stati Uniti d’America. A quel punto ero diventato il soldato semplice E-1 Leepson, matricola US 51979277.

TAGLIO DI CAPELLI,UNIFORME E VACCINAZIONE

Montai su un autobus stracarico e iniziai il viaggio di 90 km fino al centro di addestramento fanteria di Fort Dix. Dopo un taglio di capelli militare e una varietà di vaccinazioni, mio diedero un uniforme e dovetti ascoltare una serie di conferenze. Poi, fummo tutti sottoposti a una serie di test attitudinale e per la determinazione del quoziente d’intelligenza. Alla fine fui chiamato in una stanza insieme a una ventina di altri ragazzi. Un ufficiale ci disse che avevamo ottenuto un buon punteggio e che avevamo la possibilità di frequentare il corso ufficiali. Bastava firmare per 1 altro anno di ferma. Io rifiutai. In seguito avrei rifiutato anche un assegnazione di 3 anni che mi avrebbe garantito un lavoro non combattente.

8 INTERMINABILI SETTIMANE.

Dopo 4 settimane di selezione fui trasferito alla compagnia d’addestramento sempre all’interno della base insieme a un gruppo di 200 soldati. Fui assegnato alla compagnia A, 3° battaglione, 5° brigata Addestramento Combattimento: e cominciarono 8 interminabili settimane. In realtà,solo le prime 2 furono infernali. Una volta migliorata la mia forma fisica tutto diventò più sopportabile: le marce forzate, le corse e anche le interminabili esercitazioni. Alla fine mi resi conto che gli istruttori “abbaiavano ma non mordevano”, e anche la tensione psicologica si alleggeri’ notevolmente. Entrai nello” spirit of the bayonet “ studiai il manuale sulle armi, appresi l’impiego del fucile M14 e molte altre cose.Finite le 8 settimane, mi restava solo da diplomarmi, per passare poi ad altre 8 settimane di addestramento in un campo specifico per un corso chiamato “addestramento individuale avanzato” (AIT, Advanced individual Training ). 2 giorni prima del diploma, cominciammo a ricevere gli ordini di destinazione. Io fui convocato una sera, dopo l’adunata. Leepson, Smith, Jones,Wilson,a rapporto nell’edificio C per ricevere gli ordini, ci disse l’istruttore. Ci avviammo tutti e 4 nascondendo il nervosismo dietro una serie di battute pesanti. Io mi ero aggrappato alla speranza, suggeritami un giorno da un istruttore amico, di essere scelto per un AIT di artiglieria.O, ancora meglio, se proprio avevo fortuna per la scuola della Military Police (MP). Avevo saputo che un coscritto con laurea del 1° plotone era stato destinato proprio ad una scuola MP. Pregavo solo che non mi assegnassero al temuto IIB di Fort Polk: la MOS, cioè la specializzazione militare professionale della fanteria. Entrammo nell’edificio C, prendemmo posto a sedere e comincio l’attesa. Alla fine, entrò nella stanza un impiegato dall’aria scontrosa, specialista di 4° classe, un grado di livello retributivo pari a quello di un caporale, ma senza autorita di comando, che ci disse: Ragazzi ecco i vostri modelli 201, contengono tutta la documentazione militare ufficiale, comprese le vostre destinazioni. Apriteli solo quando ve lo dirà il Sergente Barnes. Naturalmente le aprimmo invece subito.

IMPIEGATO IN VIETNAM.

Fui uno dei più fortunati. Passai l’anno di servizio in Vietnam impegnato in un lavoro impiegatizio con la 527 compagnia Servizio Personale, nella relativa tranquillità di Qui Nhon. Dovevamo fare molti turni di guardia e ci toccava stare attenti a schivare i proiettili di qualche cecchino: ma niente di peggio. Alla fine riuscii anche a scoprire perché l’esercito non mi aveva mandato in prima linea. Un giorno mentre scorrevo il mio modello 201, notai che avevo ottenuto un punteggio molto alto nei test attitudinali ai lavori d’ufficio e uno basso in quelli di fanteria. Era l’uovo di Colombo.

Da Larry Potter
A Mike...


avatar
reporter Larry
llrp Team Member
llrp Team Member

Messaggi : 775
Data d'iscrizione : 09.11.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: CHIAMATA ALLE ARMI

Messaggio Da But il 10th Settembre 2011, 6:27 pm

Abile arruolato.....e bravo Larry!!

_________________
Non esitare ......nel dubbio .... Segui L'istinto ....
avatar
But
Admin

Messaggi : 2441
Data d'iscrizione : 03.09.09
Età : 48
Località : TRIUGGIO

Tornare in alto Andare in basso

Re: CHIAMATA ALLE ARMI

Messaggio Da Capt.MIKE il 11th Settembre 2011, 9:12 pm

GRAZIE Larry P. complim

_________________
Vivi in modo che la paura della morte, non entri mai nel tuo cuore. Non attaccare nessuno per la sua religione, rispetta gli altri e le loro idee, e chiedi che essi rispettino le tue. Ama la tua vita, migliorala sempre, e rendi belle le cose che ti da. Cerca di vivere a lungo, e di servire il tuo popolo, e quando arriverà il tuo momento, non essere come quelli, i cui cuori tremano, e gli occhi piangono, e pregano per poter avere ancora un po' di tempo, per vivere in maniera diversa. Canta la tua ultima canzone, e muori come un eroe, che torna a Casa.

avatar
Capt.MIKE
Admin

Messaggi : 4893
Data d'iscrizione : 05.09.09
Età : 45
Località : quota 55.. Bollate

https://www.facebook.com/marilena.passoni.3

Tornare in alto Andare in basso

Re: CHIAMATA ALLE ARMI

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum